Chi siamo

Pagina'21

Pagina’21 è la rivista culturale della Fondazione Giuseppe Di Vagno (1889-1921), in rete dal 30 marzo 2020 nata come start up all’interno del progetto Granai della Memoria Community Library,  bando della Regione Puglia “SMART IN PUGLIA Community Library, Biblioteche di Comunità: essenza di territorio, innovazione, comprensione nel segno del libro e della conoscenza” finanziato a valere sul POR Puglia 2014/2020, Asse VI “Tutela dell’ambiente e promozione delle risorse culturali”, Azione 6.7 “Interventi per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale”, per il quale il progetto della fondazione si è classificato al 5° posto ex aequo su oltre 160 istanze presentate.

Con Pagina’21 vogliamo offrire un contributo, attraverso il lavoro di una rivista on line, al rinnovamento culturale e politico dell’Italia. Tre i pilastri sui quali costruiamo questo nuovo progetto.

Essere consapevoli che Pagina ’21 è la rivista della Fondazione Giuseppe Di Vagno che affonda le sue radici nel socialismo italiano che si è sempre battuto per la giustizia sociale e la democrazia.

Valorizzare nel miglior modo possibile i contenuti della Biblioteca e degli Archivi della Fondazione e le sue aree di ricerca a partire da Il piacere di lavorare e Librexpression.

Costruire una rete per utilizzare al meglio l’enorme patrimonio di conoscenza accumulato con l’esperienza de I Granai attraverso le numerose attività di promozione culturale e di formazione realizzati in questi anni come Lectorinfabula, Scuola per la Buona Politica, Lezioni Salvemini,

Vogliamo sviluppare e rafforzare il concetto di rete, elemento imprescindibile se si vuol essere dentro gli accadimenti della contemporaneità e provare ad incidere con i propri convincimenti. Mettere in rete e far lavorare insieme i numerosi intellettuali, giornalisti e studiosi con i quali in questi anni abbiamo costruito una comunità coesa e, insieme a loro ci proponiamo di aprire una canale di comunicazione con i lettori di Pagina ’21.

Sentiamo la necessità di alimentare un dibattito culturale e politico sempre più qualificato che riguarda la natura stessa della nostra democrazia e i diritti della persona.

La rivista sarà un luogo di elaborazione d’idee per approfondire i temi della contemporaneità, inclusiva, in cui contenuto e forma hanno lo stesso peso. L’ambizione è quella di è quella di realizzare una rivista autenticamente popolare nel senso più pieno, positivo e propositivo del termine. Scrivere alla maniera di Pier Paolo Pasolini che a proposito del suo Canzoniere italiano, un’antologia di letteratura popolare, scrive «[…] ci importava meglio far notare la diversità nell’unità che il contrario».

Una rivista aperta alle idee e quindi per sua natura intrinseca dialettica, in cui far emergere le diversità di opinioni, di gusti letterari, di matrice politica, ma capace di creare un’unità di sentimento e di spirito di appartenenza. «La diversità nell’unità», ciò che scrive Pasolini sarà la stella polare di Pagina ’21, un tratto identitario.

Per queste ragioni la rivista avrà una vocazione internazionale. Guardare al mondo per guardare e comprendere meglio il nostro Paese e i nostri paesi.

Ci proponiamo inoltre di collaborare con festival, case editrici, associazioni culturali, aziende che abbiano le nostre stesse finalità.

 

Fondazione Giuseppe Di Vagno (1889-1921)
sede: Via San Benedetto, 18_70014 Conversano (Bari)
Codice Fiscale 93292400723
Partita IVA 06283810726 

presidente
Gianvito Mastroleo

segretario generale
Filippo Giannuzzi

consiglio di amministrazione
Cesare Preti, Pasquale Loiacono, Daniela Mazzucca, Adolfo Morante, Giuseppe Manzari, Gianvito  Mastroleo, Marco Panara, Aldo Patruno, Angelo Sciannamblo

 

Pagina’21
Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Bari il 23 aprile 2019 al n°9.
Registro della stampa del Tribunale di Bari n°9-2019

direttore responsabile
Oscar Buonamano

redazione e segreteria
Annamaria Minunno, Rossella D’Alessio, Vittorio “biondo” Di Lorenzo, Vittorio “bruno” Di Lorenzo, Simona Leone, Stefania Mastrosimini, Mattia Ramunni,  Maria Giovanna Volpe, Chiara Pagnozzi

responsabile web
Simone Boccuzzi

comitato dei garanti
Gianvito Mastroleo, Emanuele Ceglie, Marco Panara

www.pagina21.eu
contatti: info@pagina21.eu

 Titolare del trattamento dei dati personali: Fondazione Giuseppe Di Vagno (1889-1921)
Soggetto autorizzato al trattamento dati (Reg. UE 2016/679): il Direttore Responsabile della testata. Ai fini della tutela del diritto alla privacy in relazione ai dati personali eventualmente contenuti negli articoli della testata e trattati dall’Editore, la Fondazione Giuseppe Di Vagno (1889-1921), nell’esercizio dell’attività giornalistica, si precisa che il Titolare del trattamento è l’Editore medesimo. É possibile, quindi, esercitare i diritti di cui agli artt. 15 e seguenti del GDPR (Regolamento UE 2016/679 sulla protezione dei dati personali) indirizzando le proprie richieste a: Fondazione Giuseppe Di Vagno (1889-1921), Via San Benedetto, 18_70014 Conversano (Bari)

info@fondazione.divagno.it