Intervista esclusiva a Fadi Abu Hassan, «Fermare i discorsi di odio che portano alla divisione del mondo in due campi è molto semplice: significa fermare il colonialismo e le guerre in tutto il mondo»

Thierry Vissol

La sua famiglia è originaria della Palestina ed è emigrata in Siria. Può spiegare la loro storia e perché hanno lasciato la Palestina?
P
rovengo da una famiglia palestinese originaria di Haifa, costretta a lasciare la propria terra dal colonialismo israeliano nel 1948 sotto lo sguardo benevolo della Gran Bretagna. I miei nonni si rifugiarono temporaneamente nel sud del Libano nella speranza di tornare a casa loro, quando mio padre era ancora un neonato di dieci giorni. Hanno vissuto in campi temporanei per tre mesi, per poi diventare rifugiati permanenti in Siria, nel campo di Yarmouk a Damasco. Mio padre e i suoi dieci fratelli e sorelle sono quindi cresciuti lontano dal loro Paese. Io sono nato a Bengasi, in Libia, durante un incarico di lavoro di mio padre, che era un insegnante, e ho trascorso lì i miei primi 7 anni, tornando a Damasco alla fine del suo incarico, e dove siamo rimasti fino a quando ero molto giovane.

Ha ancora dei familiari in Israele, nella Striscia di Gaza, in Cisgiordania o a Gerusalemme Est?
Ho alcuni familiari in Palestina e altri in Giordania, Libano, Siria, Brasile, Stati Uniti, Canada, Australia e Svezia. In tutto questo caos, a causa dell’occupazione, non siamo mai riusciti a vivere come una sola famiglia sotto lo stesso tetto.

Lei è dovuto fuggire dalla Siria in seguito alla sanguinosa repressione di Bashar al-Assad. Può spiegare perché e come è stato il suo percorso prima di arrivare finalmente in Norvegia?
Ho vissuto una seconda crisi di convivenza nel mio Paese di rifugio nel 2011, semplicemente per aver usato la mia arte a sostegno delle manifestazioni pacifiche del popolo siriano contro l’oppressione del regime dittatoriale di Bashar Al-Assad. Sono dovuto fuggire dalla repressione delle autorità, inizialmente in Libano per stare con i miei parenti per un po’, finché non ho ottenuto il diritto di rifugio in Norvegia.

Lei ha ottenuto la cittadinanza norvegese e ora considera la Norvegia la sua casa. Come viene trattato in Norvegia? Ci sono discriminazioni nei confronti degli immigrati o dei cittadini norvegesi come lei?
La Norvegia è diventata il mio Paese, il mio nuovo rifugio e la mia oasi di pace, il Paese dove ho sperimentato il vero significato di umanità e cittadinanza. Ricordo che in un’intervista mi chiesero quale capitale preferissi come rifugiato: Riyadh o Oslo? Mi hanno trattato con grande rispetto, senza ignorare le mie origini o la mia identità. Lo stesso vale per gli immigrati, che vengono trattati con dignità e umanità e, francamente, non ho mai visto alcuna discriminazione nei confronti degli immigrati in Norvegia. A Oslo si possono vedere ragazze in hijab e ragazze non velate in ogni angolo della città, senza alcuna discriminazione. I norvegesi sono un popolo colto e aperto a tutte le differenze culturali, una qualità che apprezzo molto in loro.

In Norvegia, lei continua a lavorare come vignettista per la stampa e ha creato una piattaforma online, Cartoon Home Network International (CHNI), di cui è direttore. Riunisce vignettisti editoriali professionisti di tutto il mondo. Il suo obiettivo è quello di essere la voce di chi non ha voce in tutto il mondo, e intende continuare a esserlo nonostante tutte le sfide e le minacce di mettere a tacere i vignettisti. E, con questo sito, avete organizzato numerose azioni a favore della pace, dei diritti umani, dei diritti umanitari e contro la violenza di ogni tipo sulle donne, tutti temi che sono anche vostri, instancabilmente. Perché ha dedicato la sua vita e la sua arte a queste azioni militanti?
Innanzitutto perché sono un essere umano e un uomo che ha vissuto l’ingiustizia sociale come rifugiato, cioè come un uomo privato del diritto di appartenere a una patria libera, un uomo che ha sperimentato l’amarezza dell’immigrazione e l’amarezza di essere membro di una minoranza. I diritti umani e la dignità sono il mio motto. La mia battaglia è combattere loppressione e il razzismo, per questo esistono le vignette satiriche della stampa.

Lei è anche un fervente sostenitore della libertà di espressione. Cosa significa per lei libertà di espressione? Ritiene che, al di là della legislazione internazionale e nazionale che la regolamenta, per i vignettisti ci siano delle linee rosse da non oltrepassare?
Per me la libertà di espressione è un mezzo per creare legami tra culture diverse. Il suo uso improprio potrebbe essere dannoso, perché è un’arma a doppio taglio. Per quanto riguarda le linee rosse per i vignettisti di stampa, penso che ci siano sempre linee rosse quando si tratta di esseri umani perché, per me, la mia libertà di espressione è limitata a quella degli altri, al di fuori di qualsiasi legge esistente. Gli esseri umani hanno il diritto di essere rispettati nella loro interezza: la loro appartenenza, la loro ideologia e le loro convinzioni, e non è giustificato usare la libertà di espressione per umiliare gli altri. Si può criticare senza offendere, ma non dobbiamo dimenticare che sono stati gli esseri umani a creare le leggi per regolare le loro vite e, soprattutto, per proteggere la loro privacy.

Dalla sanguinosa reazione di Israele (operazione Spade di ferro) alle orrende azioni terroristiche di Hamas del 7 ottobre, lassedio della Striscia di Gaza, i bombardamenti, le distruzioni, lesodo forzato della popolazione senza luoghi sicuri o possibilità di lasciare il territorio – lEgitto si rifiuta da tempo di aprire le frontiere e Hamas lo impedisce – lei ha assunto una linea estremamente dura contro Israele e i suoi alleati, Stati Uniti e Unione Europea in particolare. Può spiegare la sua posizione?
La mia posizione contro le azioni sanguinose di Israele nella Striscia di Gaza è per me del tutto normale e legittima, perché da un lato sono un essere umano e, dall’altro, perché sono palestinese di origine e appartengo al campo delle vere vittime, le vittime di un conflitto che risale a ben prima del 7 ottobre 2023. Quale pensate possa essere la mia reazione alla dichiarazione del ministro della Difesa israeliano, Yoav Gallant, che ha descritto i palestinesi come animali sotto forma di esseri umani? Quando si trattava di privare due milioni di cittadini di acqua potabile, elettricità e gasolio. Le azioni di autodifesa di Israele sono diventate estreme e indiscriminate, e ogni giorno la vendetta diventa più abominevole e disumana. Per la prima volta nella storia, il diritto di difendersi si è trasformato in una vendetta cieca in cui i bombardamenti non cessano né di giorno né di notte, non risparmiando né alberi né esseri umani, né scuole né ospedali, nemmeno animali. Per la prima volta nella storia moderna, uno Stato sta conducendo una guerra contro il personale medico e paramedico e i pazienti feriti degli ospedali, persino i bambini e i neonati prematuri. Per la prima volta, assistiamo a operazioni militari contro gli ospedali che ospitano rifugiati innocenti. Basta sentire la nuova espressione La guerra degli ospedali per capire quanto sia diventata selvaggia questa guerra. Anche i valori universali sono crollati di fronte al silenzio dei governi e alle sovvenzioni militari degli Stati Uniti e alla benedizione di alcuni Stati europei, che non hanno mai smesso di darci lezioni sui valori umani e politici.

Insieme al vignettista tunisino Tawfiq Omrane, avete deciso di lasciare lassociazione Cartooning for Peace di Plantu. Plantu è a favore della pace e di due popoli, due Paesi. Lassociazione ha recentemente pubblicato una serie di disegni che si oppongono ai massacri israeliani nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania, chiedendo la fine delle ostilità e il rispetto del diritto umanitario. Perché questa decisione? Pensa che la vostra decisione abbia cambiato Cartooning for Peace?
Fin dal primo giorno (della guerra) Cartooning for Peace ha abbracciato radicalmente la tragedia del regime di apartheid israeliano nelle sue pubblicazioni e ha trattato in un modo tendenzioso i disegni selezionati per le sue rubriche, in collaborazione con France 24 e Le Monde, come abbiamo spiegato nella nostra lettera di rottura con l’associazione. È stato denunciato lattacco di Hamas, ma non i crimini di guerra di Israele a Gaza. Non è stato fatto alcun cenno a questa escalation di violenza o alle quotidiane violazioni dei diritti umani commesse dal 2007 sotto il blocco di Gaza, e i nostri disegni sono stati deliberatamente ignorati. Questo trattamento tendenzioso della linea editoriale, che durava da due settimane quando abbiamo scritto la nostra lettera, equivale a della disinformazione. Lei dice che Plantu è a favore della pace tra i due popoli, ma non ha fatto bene la sua parte. Peggio ancora, i suoi disegni mostrano il suo posizionamento in linea con la narrazione israeliana. Per quanto riguarda la seconda parte della domanda, la risposta è un sonoro sì. Credo che la nostra posizione abbia avuto un effetto positivo sullAssociazione e abbia contribuito a cambiare radicalmente la sua linea editoriale.

Molti cittadini e media in Occidente stanno conducendo campagne a favore dei palestinesi e della fine delle rappresaglie che stanno ammazzando i civili e distruggendo le loro proprietà. Pensa che queste manifestazioni di solidarietà siano in grado di cambiare le posizioni dei governi meno inclini a criticare Israele?
Credo che queste manifestazioni abbiano avuto un grande impatto. Infatti, dopo il 7 ottobre abbiamo visto diversi governi cambiare la loro posizione a favore della cessazione dei combattimenti e del cessate il fuoco. Inoltre, questo ha creato un sentimento di riconoscimento da parte del popolo palestinese, che si è sentito sostenuto dal mondo.

Per quanto ne so, ma forse mi sbaglio, nei suoi disegni non ha condannato gli atti terroristici di Hamas. Ma Hamas è sostenuto, finanziato e armato soprattutto dallIran, una dittatura che non si fa scrupoli a uccidere gli oppositori e le donne che non rispettano la sua polizia morale. Entrambi hanno come obiettivo la scomparsa di Israele. Daltra parte, Hamas usa le popolazioni civili come scudi umani. Anche se è indecente paragonare e quantificare gli orrori, non crede che questo sia un caso di doppio standard che lei critica altrove?
Personalmente, condanno tutte le guerre e gli attacchi contro persone innocenti, ma non capisco questa ossessione di condannare le vittime che sono state sotto assedio coloniale per tanti anni. Questo problema infernale in cui tutti parlano del diritto di Israele di difendere la propria esistenza, a qualunque costo, non finirà mai senza tenere conto anche del diritto all’esistenza dell’altra parte. Prima del 1948, il popolo ebraico viveva in serenità e pace in tutto il mondo arabo. Al contrario, i loro fratelli in Occidente venivano repressi e persino bruciati vivi. Oggi il mio popolo vive la stessa storia, ma la vittima di ieri è diventata il carnefice di oggi. Il giorno dopo il famoso 7 ottobre, ho fatto una rassegna stampa dei giornali occidentali e ho notato che la linea editoriale era uniforme e parlava con una sola voce, portando a etichettare i palestinesi come terroristi e a dare un’immagine barbara della popolazione di Gaza. Come se si trattasse di fare una guerra mediatica per eliminare il concetto di umanesimo dai palestinesi e dare il via libera al la loro punizione sanguinosa legale. Ed è stata questa posizione infelice e drammatica che ha portato a crimini di guerra con più di 15.000 vittime, di cui il 70% bambini e donne, per non parlare della totale distruzione di case, di infrastrutture vitali e ospedali. Non dimenticherò mai l’immagine dei 28 neonati prematuri tolti dalle loro incubatrici, la loro ultima speranza di vita, senza la minima preoccupazione per il loro futuro o anche solo l’idea di trovare un’alternativa, con il pretesto che c’era il dubbio che Hamas si nasconda nelle fogne dell’ospedale.
A questo punto, vorrei sapere se avete chiesto ai vignettisti dell’altra parte se condannano lo decimazione del popolo palestinese? Se hanno condannato gli attacchi israeliani contro i palestinesi in Cisgiordania, dove Hamas non esiste? Se condannano anche i crimini di guerra commessi contro due milioni di palestinesi che vivono sotto il blocco israeliano, senza acqua potabile né elettricità? Che vivono in un’enorme prigione a cielo aperto con telecamere puntate tutt’intorno e che possono entrare o uscire dalla loro terra solo con il permesso del colonizzatore. Che vivono in condizioni disumane. Se alcuni media occidentali lo fanno, quanti non condannano queste condizioni in cui nemmeno gli animali riescono a sopravvivere?
Per fortuna le nazioni hanno una coscienza viva e vorrei ringraziare tutti coloro che hanno manifestato contro l’oppressione dei loro simili in tutto il mondo: a Oslo, Londra, New York, Rabat, Svezia, Irlanda, Francia, Italia, Danimarca… Sono state manifestazioni grandiose, in cui le persone hanno dimostrato che l’umanità non conosce confini.

Le reazioni di odio viscerale, alimentate e amplificate dalle atrocità commesse, lantisemitismo e lislamofobia che riaffiorano e crescono, la profonda spaccatura tra filo-israeliani e filo-palestinesi, il cinismo di Putin, che sta usando questa guerra per consolidare le sue alleanze contro lOccidente e contro lUcraina, e il diffuso riarmo, non costituiscono forse un profondo rischio di allargamento del conflitto e di una nuova divisione del mondo in due clan? Come possiamo fermare queste esplosioni di odio?
Fermare i discorsi di odio che portano alla divisione del mondo in due campi è molto semplice: significa fermare il colonialismo e le guerre in tutto il mondo.

Quale pensa possa essere lesito di questo conflitto? Pensa che i popoli palestinese e israeliano possano riconciliarsi, come è avvenuto in Europa dopo la Seconda guerra mondiale?
La pace in Palestina e in Medio Oriente sarà impossibile finché la Palestina come Stato indipendente non sarà riconosciuta dalla comunità internazionale.


Fadi Abu Hassan (Fadi Toon in arte) è un vignettista di stampa freelance di origine palestinese, premiato in numerosi concorsi internazionali, tra cui il concorso Libex-2018 (Italia). Rifugiato con la famiglia in Siria fino al 2011, è stato nuovamente costretto all’esilio a causa della sua opposizione a Bashar al-Assad. Rifugiato in Norvegia, ha ricevuto la nazionalità norvegese. I suoi disegni trattano in particolare di diritti umani, diritti delle donne e di violenza politica. Sono apparsi su numerosi media cartacei e online, tra cui Courrier International (Francia), Ny Tid e Numer (Norvegia), Confronti e Pagina21 (Italia). Membro del Cartoon Movement e già membro di Cartooning for Peace, è caporedattore del sito web Cartoon Home Network International (CHNI).


Leggi anche